Largo Trieste, 25 - Fucecchio (FI) Tel. e Fax 0571.23431
Sergio Nardoni

Sergio Nardoni

Pittore

PrecedenteSuccessivo

Presentazione

Fiorentino, di antica famiglia toscana, Sergio Nardoni vive e lavora nel Chianti, a Sambuca Val di Pesa. Talento precoce, disegna fin da bambino e dipinge il suo primo quadro ad olio all’età di sette anni in casa della maestra elementare, delicata pittrice dilettante. Più tardi, nonostante la famiglia lo volesse continuatore nella conduzione della piccola azienda paterna, si iscrive all’Accademia, dopo studi assai disordinati e la pratica di molti mestieri.
Allievo di Loffredo e Manfredi, risente inizialmente del clima concettuale che comincia a diffondersi in Italia alla fine degli anni Settanta, ma è subito attratto da altre esperienze. Conosce Bueno, frequenta Annigoni, che in occasione della sua prima mostra, tra l’altro, gli scrive:
“…Vedo evidenti, nel Suo operare un impegno e una tenacia particolari che La porteranno lontano…”.
Intanto l’incontro e l’amicizia con Mariuccia Carena, la vedova del grande Felice Carena, lo immette nell’ambiente artistico toscano e versiliese (Treccani, Marcucci, Faraoni, De Grada). La Facoltà di Lettere che frequenta con maestri come Del Bravo e Mina Gregori completa la sua sete di conoscenza e la sua assidua riflessione sulla storia della pittura. Si dedica poi all’insegnamento,  prima presso la Scuola Media Statale,  poi  presso la sede fiorentina della Rutger’s University -  the State University of  New Jersey, infine presso la Facoltà di Belle Arti della Sichuan University of China (Chengdu, China), con la quale collabora per un lungo periodo.

Lasciata anche la scuola, si dedica esclusivamente alla pittura. Tra le numerose mostre nazionali e internazionali si ricorda  “Ab Antiquo“ nella Sala d’Arme di Palazzo Vecchio a Firenze nel 1986 e la sua partecipazione alla rassegna “ Firenze per l’Arte Contemporanea “ sempre nel 1986, dove espone nella Sala dei “Pittori Moderni della Realtà” accanto alle opere dei fratelli Bueno,  Sciltian e Pietro Annigoni al Forte di Belvedere sempre a Firenze. Nel 1996 viene allestita una sua personale all’Art Expo di New York e nel 1998 una mostra  delle sue opere viene organizzata a Malta, presentata personalmente dal Presidente della Repubblica maltese. Nel 2005 la Galleria Orler di Venezia presenta la mostra  personale  “Presente remoto “ interamente dedicata al cinema mentre nel 2008 è la volta della fortunata rassegna di San Felice Circeo dedicata ai cento anni dalla nascita della  grande Anna Magnani inaugurata dal senatore a vita Giulio Andreotti e recensita in un lungo servizio televisivo dal TG 5.
Nel 2011 gli viene dedicata una grande  Mostra Antologica per i suoi  40 anni di pittura intolata “Il genio ingenuo” e curata da Giovanni Faccenda al Museo Archeologico di Fiesole (FI), seguita dalla mostra personale per le celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia  nella Sala delle Colonne di Pontassieve (FI), curata da Pier Francesco Listri e presentata dalla Soprintendente del Polo museale fiorentino Cristina Acidini.
Nel gennaio 2015 partecipa alla rassegna  “Capriccio italiano”  a Beijing (China) nella Sede Espositiva dell’Ambasciata d’Italia in Cina, inaugurata dall’Ambasciatore
Italiano in Cina Alberto Bradanini, seguita dalla  mostra  personale “L’Ottagono magico” curata da Alessandro Sarti e presentata in catalogo da Cristina Acidini presso la prestigiosa Accademia delle Arti del Disegno di Firenze.
Importante è la sua attività di ritrattista. Ha realizzato infatti ritratti per i grandi personaggi della cultura e dell’Arte, raccolti poi nelle mostre monografiche “ Amici in posa “  del 1988 e “ Incontri su tela “ del 2005, mentre per le più importanti casate europee ha eseguito ritratti che saranno raccolti in un volume di prossima pubblicazione intitolato “Il pittore dei Principi” e che gli ha valso la nomina, nel 2005, di Ritrattista Ufficiale del Corpo della Nobiltà Europea.
Sue opere si trovano nel Museo Nazionale del Bargello a Firenze, nelle Collezioni Pontificie della Città del Vaticano, nella Raccolta dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze e nel Conservatorio di Santa Cecilia a Roma. Fra le opere pubbliche di maggior rilievo è doveroso ricordare l’importante ciclo pittorico collocato sull’arcone absidale del quattrocentesco Duomo di San Miniato ( PI ) e il grande ciclo musivo dedicato al Chianti, realizzato per il Comune di Tavarnelle  Val di Pesa (FI),  disteso sulle  quattro facce di una struttura  piramidale e installato al centro  della piazza del paese intitolato  “La profondità in superficie”.
Nel corso della sua ormai ultraquarantennale carriera ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali è doveroso ricordare il Premio Nazionale “Sulmona” nel 1983, la Medaglia d’Oro alla Biennale di Massarosa (Lucca) nel 1984, il “Premio Nazionale Carlo Carrà” nel 1990, il Premio “Città di Acqui Terme” nel 2005, il “Premio Paestum” alla carriera nel 2007, il “Premio Stresa” nel 2008, il “Premio Domenico Cresti detto Il Passignano” nel 2009, il “Premio Regione Piemonte” nel 2010 e il premio “Lago Maggiore per l’Arte” nel 2015.
Nel 2012, dopo la sua fortunata mostra sui 150 anni dell’Unità d’Italia,  viene insignito dal Presidente della Repubblica dell’Alta Onorificenza di “Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica Italiana” per i suoi meriti artistici, mentre nel 2015 è stato eletto dal Collegio dei Professori delle Arti del Disegno e proclamato dal Consiglio di Presidenza Accademico d’Onore della più antica Accademia del mondo, l’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze.
 

fonte: sergionardoni.com